ESI Quality since 1975

Gambe pesanti: gli estratti naturali che favoriscono il microcircolo

8 min
di ESI

In seguito a fattori climatici oppure a posizione ortostatica prolungata per molte ore al giorno, può insorgere il disturbo delle gambe pesanti, la cui causa è riferibile ad alterazioni del microcircolo. Scopriamo insieme il ruolo e l'importanza degli estratti naturali che favoriscono il microcircolo.

Cosa causa la sensazione di pesantezza delle gambe?

Le gambe possono facilmente andare incontro alla sensazione di pesantezza, spesso accompagnata anche da gonfiore alle caviglie. Si tratta di un problema che deriva da un peggioramento della circolazione, responsabile del ristagno di sangue nelle parti declivi del corpo. Dopo un eccessivo sforzo fisico, durante la stagione calda oppure quando si mantiene per molte ore la posizione eretta, è piuttosto frequente avvertire un fastidioso peso agli arti inferiori.

Nella maggior parte dei casi il fattore predisponente è collegato a problemi del microcircolo, costituito dalla fitta rete capillare localizzata nelle gambe e il cui ruolo è quello di portare ossigeno e nutrimento ai tessuti. In questi casi può succedere che il circolo venoso risulti inadeguato in quanto il ritorno del sangue verso il cuore (che si muove in senso opposto alla forza di gravità dato che deve salire verso l'alto) viene in qualche modo reso più difficoltoso.

Succede inoltre che la linfa, un'altra componente del sistema circolatorio che scorre nei vasi linfatici, mostri la tendenza ad accumularsi negli spazi interstiziali, provocando la formazione di edemi con evidente gonfiore. Questa situazione si manifesta soprattutto alla sera, dopo che il soggetto è rimasto in piedi per tutto il giorno e si ritrova con gambe stanche e pesanti.

Se gli arti inferiori non ricevono una corretta ossigenazione in seguito a problematiche circolatorie, non sono in grado di funzionare in modo ottimale e possono anche essere dolenti. Trattandosi di un disturbo prevalentemente femminile, tra i vari fattori eziologici è compresa anche la gestazione in quanto il peso localizzato a livello dell'addome gravido contribuisce a rendere difficoltosa la circolazione.

Altre cause delle gambe pesanti

Altre cause delle gambe pesanti si riferiscono a uno stile di vita sedentario (il movimento infatti migliora la funzionalità circolatoria), all'assunzione di bevande alcoliche (in relazione al fatto che l'alcol è un potente vasodilatatore), al sovrappeso e alla fragilità capillare (spesso congenita). Gli ormoni femminili svolgono un ruolo di primaria importanza per questo problema dato che gli estrogeni possono stimolare la ritenzione idrica oltre che ridurre la funzionalità degli ormoni tiroidei responsabili dell'eliminazione dei depositi di grasso, contribuendo così al gonfiore degli arti inferiori. Anche un abbigliamento scorretto, caratterizzato da indumenti troppo stretti, ma soprattutto da calzature inadeguate, con tacchi troppo alti oppure esageratamente bassi, ostacolano il microcircolo.

Sintomi delle gambe pesanti

I principali sintomi di questo disturbo si riferiscono alla percezione di pesantezza delle gambe che rende difficoltoso qualsiasi movimento. Anche rimanere fermi in posizione eretta crea numerosi problemi poiché gli arti inferiori sono spesso dolenti e gonfi.

È chiaro che in tali condizioni risulta difficile sia muoversi che stare in piedi, soprattutto durante la stagione estiva quando le elevate temperature provocano una fisiologica vasodilatazione. Pur essendo un disturbo piuttosto fastidioso è comunque possibile affrontarlo efficacemente mediante l'assunzione di rimedi naturali, che si rivelano ottimi alleati.

Rimedi per le gambe pesanti

Per affrontare correttamente il problema delle gambe pesanti è necessario agire a livello del microcircolo, potenziando la funzione circolatoria e quindi migliorando l'ossigenazione dei tessuti. Inoltre, stimolando il flusso circolatorio, si agisce anche a livello linfatico, eliminando la ritenzione idrica.

Esistono numerose piante officinali la cui azione si rivela particolarmente utile nel caso di gambe pesanti e gonfie e che possono trovare impiego in varie formulazioni sia per uso topico (pomate e gel) che a livello sistemico (compresse, pastiglie oppure tisane). Può essere utile associare anche qualche massaggio con oli essenziali che stimola la circolazione. Allo stesso tempo agisce come miorilassante sulle fibre contratte, eliminando il rischio di crampi.

Estratti naturali che favoriscono il microcircolo e contrastano il disturbo delle gambe pesanti

1. Centella

Grazie alla presenza di flavonoidi, fitosteroli e tannini, la Centella presenta proprietà eudermiche che favoriscono la produzione di collagene migliorando dunque l'idratazione cellulare. Le proprietà flebotoniche contribuiscono a migliorare l'attività del microcircolo, anche in casi di insufficienza venosa. In ambito fitoterapico essa viene considerata un valido aiuto per contrastare la fragilità capillare in seguito all'efficace azione protettiva sull'endotelio vasale.

2. Meliloto

Si tratta di una pianta ricca di flavonoidi, tannini, cumarine e saponine. La loro sinergia funzionale si rivela di grande aiuto come antiedemigeno in caso di insufficienza venosa e di ritenzione idrica. Gli estratti naturali del vegetale trovano largo impiego per migliorare il ritorno venoso, potenziando anche la cinetica linfatica in presenza di formazioni edematose tipiche delle gambe pesanti e gonfie.

3. Mirtillo nero

Contenendo elevate concentrazioni di antocianine, efficaci pigmenti antiossidanti, il mirtillo nero è un potente alleato del microcircolo. Infatti, potenzia la funzionalità della parete vasale, minimizzando la fragilità capillare e migliorando il reflusso venoso verso il cuore. Le antocianine, inoltre, incentivano la sintesi di collagene, sostenendo il tessuto connettivo presente a livello dell'endotelio vasale.

4. Flavonoidi

Largamente presenti nel regno vegetale, i flavonoidi sono composti fenolici dotati di attività antiossidanti, rinforzanti e protettive sui capillari del microcircolo. Oltre a mostrarsi efficaci supporti anche per evitare nocive aggregazioni piastriniche. Il loro impiego come vasoprotettori è sfruttato nella formulazione di integratori alimentari in cui spesso vengono associati alla vitamina C, un'altra sostanza dalle spiccate proprietà antiossidanti.

5. Ippocastano

Gonfiore, dolore e ritenzione idrica sono altrettanti sintomi che possono essere efficacemente combattuti dagli estratti di ippocastano. Un ottimo rimedio per tali disturbi, il cui funzionamento dipende dalla presenza di escina, una proteina capace di svolgere azione antiedemigena e drenante. Essa agisce diminuendo la permeabilità vasale e quindi la fuoriuscita di liquidi negli spazi intercellulari, responsabile della genesi di formazioni edematose. Potenziando elasticità e resistenza dell'endotelio capillare, l'ippocastano funziona da eccellente vasoprotettore.

6. Ruscus

Questa pianta, meglio conosciuta come Pungitopo, vanta notevoli proprietà vasoprotettrici, astringenti e venotoniche, che costituiscono rimedi efficaci in caso di gambe stanche e dolenti. La sua attività dipende da un'inibizione dell'enzima elastasi che di solito demolisce le molecole di collagene, rendendo i capillari maggiormente sensibili al deterioramento endoteliale. Inoltre, grazie alla presenza di saponine, il ruscus contrasta i processi di vasodilatazione e la conseguente e nociva ritenzione idrica.

linee e prodotti consigliati
Erbaven fresh gel
Erbaven pocket drink
Erbaven retard ovalette

Trova il punto vendita

Iscriviti ora alla nostra
Newsletter!

Nuovi prodotti in esclusiva, ispirazioni e consigli.