ESI Quality since 1975

Rimedi naturali per la prostata: agire preventivamente per evitare problemi

8 min
di ESI

Come per le altre ghiandole, anche alla prostata spetta il compito di produrre e secernere sostanze utili per l'organismo. La più importante, in questo caso, è il liquido prostatico: un fluido che assicura buona mobilità agli spermatozoi e, allo stesso tempo, ne facilita la sopravvivenza. Purtroppo, però, la ghiandola prostatica può anche ammalarsi. Statisticamente, le persone che hanno superato i 50 anni sono maggiormente esposte al rischio, ma è importante proteggere la salute di quest'organo tanto prezioso sin da giovanissimi. Se un costante monitoraggio, condotto attraverso una serie di analisi periodiche, è sicuramente consigliato, esistono diversi rimedi naturali per la prostata, a partire dall'adozione di uno stile di vita sano ed equilibrato.

Varie ricerche hanno evidenziato come un'alimentazione poco attenta, al pari della sedentarietà, possa incidere non poco sull'insorgere delle principali patologie prostatiche. Ma quali sono le più diffuse? Le malattie che colpiscono più frequentemente la prostata sono: prostatite, IBP (Ipertrofia Prostatica Benigna) e cancro.

È importante sottolineare che mentre la prostatite tende a manifestarsi più o meno con la stessa probabilità in soggetti giovani e anziani, gli altri due problemi hanno un'incidenza crescente con l'aumentare dell'età.

Una dieta bilanciata

Chi è costretto a convivere con delle problematiche a livello della prostata, e ha intenzione di modificare le proprie abitudini alimentari, deve prima di tutto cercare di depurare e disintossicare l'organismo, con l'obiettivo di ridurre al minimo le infiammazioni.

Da studi condotti in Svezia, per esempio, è emersa un'allarmante correlazione tra il consumo di latte (e suoi derivati) e il tumore prostatico. Un'assunzione eccessiva di calcio si rifletterebbe, infatti, in una riduzione dei livelli di Vitamina D.

Anche sostituire il latte vaccino con quello di soia, però, non appare una soluzione ottimale. Il legume in oggetto (così come i prodotti che ne derivano) presenta un elevato contenuto di isoflavoni, ormoni che per caratteristiche si avvicinano agli estrogeni. Sembra che, oltre a favorire l'insorgere di malattie prostatiche, queste sostanze possano perfino causare fenomeni di impotenza.

Esistono anche altri alimenti che, a lungo andare, rischiano di causare infiammazioni: insaccati, carni grasse, frutti di mare e molluschi, spezie come il peperoncino, caffè, cioccolato e tutti i superalcolici.

Risulta invece utile, tra i rimedi naturali per la prostata, portare spesso in tavola ortaggi ricchi di: Vitamina A (carote, broccoli, spinaci e albicocche); Vitamina C (peperoni, cavolfiori, kiwi e ribes); Vitamina E (nell'olio di oliva e negli oli vegetali in genere).

Altrettanto fondamentale è l'idratazione, soprattutto per chi è colpito frequentemente da infezioni urinarie. Un paio di litri di acqua quotidiani, suddivisi con regolarità nel corso della giornata, rappresentano un toccasana per le persone in cerca di rimedi naturali per la salute della prostata.

Un’attività fisica regolare

Fatto salvo quanto scritto finora, per potenziare i benefici di una alimentazione salutare, è necessario trovare un modo per ridurre lo stress. Esiste una mole di studi scientifici che connettono in maniera inequivocabile lo stress e l'ingrossamento della prostata.

Praticare sport è il modo migliore per rilassare mente e corpo. Yoga e altre attività fisiche non solo riescono a prevenire problemi di obesità, ma sono anche in grado di riequilibrare gli ormoni. Rendono più forte il sistema immunitario e favoriscono la circolazione sanguigna con evidenti benefici a livello pelvico. Ma non è obbligatorio andare in palestra o in piscina per godere di sensibili miglioramenti. Una semplice passeggiata di 30 minuti, ripetuta almeno 5 giorni su 7, rientra a pieno titolo tra i rimedi naturali per la salute della prostata.

Attenzione invece alla bicicletta. Praticando questo sport con intensità, si rischia infatti di incorrere in microtraumi perineali che, se trascurati, potrebbero dare origine a processi infiammatori.

Integratori per un giusto apporto di micronutrienti

Abbiamo già parlato dell'importanza delle vitamine, spesso e volentieri citate tra i migliori rimedi naturali per la salute della prostata. Se l'introduzione di questi micronutrienti attraverso l'alimentazione non risulta sufficiente, gli integratori potranno fornire un adeguato supporto.

Altrettanto utili sono i minerali, presenti soprattutto in frutta e verdura. Tuttavia alcune persone, dopo anni trascorsi a mangiare in modo tutt'altro che sano, trovano difficile modificare le proprie abitudini a tavola. È in questi casi che gli integratori aiutano ad assumere quanto necessario. Tra i minerali vanno citati selenio e zinco. Il primo, contenuto in frutta secca (noci in primis), carne e uova, offre un contributo non indifferente al sistema immunitario riducendo al contempo i rischi di tumore. Lo zinco, dal canto suo, tende a ridursi in pazienti che sviluppano problemi alla prostata, nei soggetti stressati e in coloro che seguono un'alimentazione sbilanciata. La maggior parte degli integratori contiene ortica e olio di pesce, noto per la sua capacità di ridurre le infiammazioni.

Possono infine essere utili integratori che presentano estratti titolati di Cranberry e Serenoa.

Una vita sessuale attiva tra i rimedi naturali per la prostata più efficaci (e piacevoli)

Non sono poche le persone che, preoccupate per la possibile infiammazione di questa ghiandola, tendono a ridurre l'attività sessuale. In realtà, una vita sessuale regolarmente attiva risulta benefica anche da questo punto di vista. Diverse statistiche hanno evidenziato, infatti, una maggiore incidenza di problematiche legate alla prostata fra gli uomini celibi di una certa età. Questo risultato va probabilmente imputato proprio a un'astinenza prolungata che, dando luogo a un ristagno di secrezioni nella ghiandola prostatica, potrebbe determinare fastidiose infezioni seminali.

È sconsigliato anche il coito interrotto, ancora oggi piuttosto diffuso come metodo contraccettivo.

Effettuare visite specialistiche

Pur non rientrando nei rimedi naturali per la salute della prostata, le visite urologiche rivestono un'importanza cruciale. Compiuti i 50 anni, tutti gli uomini dovrebbero sottoporsi a una visita volta a confermare il perfetto funzionamento della ghiandola.

I soggetti a rischio (ossia chi ha già avuto casi in famiglia o ha sviluppato almeno una volta problemi di questo tipo) farebbero meglio ad attivarsi in anticipo. Di norma appena superati i 40 anni d'età.

I medici suggeriscono, inoltre, di sottoporsi al test del PSA una volta l'anno. Si tratta di un esame estremamente veloce che, attraverso un semplice prelievo del sangue, fornisce informazioni utili sullo stato di salute della ghiandola prostatica.

linee e prodotti consigliati
Prosterbe
Cranberry Cyst ovalette
Cranberry Cyst pocket drink
Diurerbe Forte tavolette
Diurerbe Forte Drink Ananas
Diurerbe Forte pocket drink Limone

Trova il punto vendita

Iscriviti ora alla nostra
Newsletter!

Nuovi prodotti in esclusiva, ispirazioni e consigli.