ESI Quality since 1975

Cistite: quello che devi sapere sulla cistite acuta e ricorrente
4 min
di ESI

La cistite è un disturbo delle vie urinarie tanto comune quanto fastidioso. Dolore durante la minzione, corse in bagno per fare poca pipì, bruciore e dolore al basso ventre sono tutti i tipici sintomi di questa patologia.

Le probabilità di avere la cistite aumentano d’estate a causa dell’aumento dell’umidità e del calore, ma anche nei casi di urine troppe concentrate perché il soggetto non riesce a soddisfare il fabbisogno giornaliero di liquidi. Bere poco infatti è una delle cause più frequenti all’origine della cistite (e questo vale tutto l’anno), in quanto fa sì che si crei in vescica un “assembramento” di batteri dannosi. Anche la stitichezza può essere all’origine della cistite: attraverso i vasi linfatici i germi passano attraverso le vie urinarie dando il via all’infezione.

Un comportamento molto comune è quello di curare la cistite in autonomia, senza consultare un medico, assumendo magari un antibiotico già presente in casa. In realtà, la cistite può essere prevenuta ed eliminata sfruttando i rimedi fitoterapici e integrando delle buone abitudini. Per prima cosa bisogna bere tanta acqua durante il giorno, per pulire le vie urinarie, e poi assumere integratori a base di cranberry o mirtillo rosso, noto per le sue proprietà diuretiche, drenanti e depurative ideali contro le infezioni alle vie urinarie.

Certo cause e rimedi possono variare in base al tipo di cistite. Ecco perché abbiamo deciso di spiegare la differenza tra cistite acuta e cistite ricorrente.

Cistite acuta e ricorrente: caratteristiche e rimedi

Quando si verifica sangue nelle urine e febbre siamo in presenza di cistite acuta e per curarla occorre un antibiotico specifico prescritto dal proprio medico di fiducia. Prima di iniziare la cura, si deve fare l’urinocoltura (un esame specifico dell’urina) per identificare l’entità dell’infezione. In base all’esito di questo esame, il medico deciderà il tipo di antibiotico e la durata della terapia. In ogni caso, dopo una qualsiasi cura di antibiotici è sempre consigliata l’assunzione di fermenti lattici vivi per ripristinare la normale flora batterica intestinale.

Nel caso in cui i sintomi siano solo bruciore e disturbi a urinare, allora puoi agire d’anticipo iniziando a bere molta acqua e assumendo fin da subito un integratore a base di cranberry, semi di papavero e verga d’oro per cercare di bloccare l’infezione sul nascere. In questo caso la cistite dovrebbe non comparire più, o per lo meno potrebbe comparire di nuovo ma a una distanza di anni.

Come prevenire la cistite  

Come scritto in precedenza, le cause più comuni della cistite sono la stitichezza e la cattiva abitudine di bere poco durante il giorno. Quindi il primo consiglio è quello di bere e idratarsi adeguatamente durante il giorno (almeno 2litri di acqua naturale) e risolvere i problemi legati alla stitichezza anche con l’aiuto di integratori naturali.

Puoi prevenire il rischio di contrarre la cistite adottando anche queste dritte:

  1. Inserisci nella tua dieta alimenti probiotici, come lo yogurt a colazione
  2. Consuma verdura della famiglia delle brassicacee, come cavoli e broccoli, perché riducono lo stato infiammatorio intestinale.
  3. Scegli cereali integrali
  4. Indossa biancheria intima di cotone
  5. Cura l’igiene personale con prodotti delicati
linee e prodotti consigliati
Cranberry Cyst ovalette
Cranberry Cyst pocket drink

Richiedi campioni omaggio

Trova il punto vendita

Iscriviti ora alla nostra
Newsletter!

Nuovi prodotti in esclusiva, ispirazioni e consigli.