ESI Quality since 1975

Sanguinamento gengivale? Ecco i rimedi per prevenirlo

3 min
di Tatiana Giulia Rizzati

Uno degli errori che si commettono più frequentemente è quello di non insospettirsi di fronte al sanguinamento gengivale. Vedere del sangue nella schiuma del dentifricio quando ci si lava i denti non deve mai essere sottovalutato.

Sanguinamento gengivale: un campanello d'allarme da non sottovalutare

Immaginatevi di lavarvi una qualsiasi altra parte del corpo e vedere sangue. Vi allarmereste?

Il sanguinamento gengivale può avvenire sostanzialmente per due ordini di motivi:

  • in seguito ad un trauma: quando ci si ferisce con il filo interdentale o aprendo un tappo di bottiglia con i denti si scalfisce incidentalmente la gengiva;
  • in presenza di infezione e infiammazione (gengivite): una condizione di gonfiore, arrossamento e dolore gengivale che va curata e monitorata.

La prima cosa da fare in caso di affezioni gengivali è rivolgersi al proprio dentista o igienista dentale di fiducia per valutare l’entità dell’infiammazione e valutare quale sia il percorso terapeutico migliore.

La principale causa di gengivite è la presenza di batteri e questo è dovuto alla scarsa attenzione nei confronti della pulizia quotidiana del cavo orale. Lavarsi i denti con spazzolino e filo interdentale/scovolino è il primo atteggiamento fondamentale per prevenire le affezioni gengivali. Ma anche per guarire più facilmente e velocemente qualora ci fossero infezioni in corso.
Spesso infatti si tende ad evitare di spazzolarsi o passare il filo per paura di provocare il sanguinamento. Ma non pulire è molto più sbagliato che pulire: i batteri della placca batterica vanno eliminati e serve impedirne l’accumulo. Inoltre è bene valutare con un professionista se sia necessario eseguire una seduta di igiene orale professionale (pulizia dei denti).

I rimedi contro l'infiammazione delle gengive

In caso di sanguinamento gengivale sia di origine traumatica che infiammatoria vengono in aiuto le paste dentifricie e i collutori.
La scelta deve essere accurata: è sconsigliato utilizzare in queste fasi dentifrici con microgranuli o whitening. Meglio orientarsi verso prodotti delicati con ingredienti utili alla guarigione e al controllo dell’infiammazione.

Tra questi, l’Aloe Vera è la più antica pianta medicinale che nel corso del tempo ha sempre mantenuto la sua popolarità: è infatti ben conosciuta per le sue proprietà anti-infiammatorie, analgesiche e favorenti la guarigione delle ferite.
Ci sono studi scientifici recenti che hanno dimostrato che a seguito della rimozione di placca e tartaro (la pulizia dei denti) spazzolarsi con un dentifricio che contenga Aloe è di grande aiuto nel ripristino della salute gengivale.

Oggi, a causa del massivo impiego di antibiotici e antibatterici chimici, si è sviluppato molto il fenomeno della batterio resistenza e a maggior ragione utilizzare prodotti che sfruttano le proprietà delle piante officinali può essere molto utile e la scelta giusta da fare.

L’Aloe Vera non ha particolari controindicazioni né effetti collaterali. E’ considerata sicura e può essere consigliata anche alle donne in gravidanza, pazienti sottoposti a chemioterapia o pazienti con particolari manifestazioni orali avverse autoimmuni o da farmaci, che spesso possono manifestare problematiche delle gengive e delle mucose.

linee e prodotti consigliati
Aloe Fresh Sensitive
Aloe Fresh Collutorio
Aloe Fresh Collutorio Zero alcol
Aloe Fresh Menta Crystal
Aloe Fresh Smile
Aloe Fresh Alito Fresco Spray

Trova il punto vendita

Iscriviti ora alla nostra
Newsletter!

Nuovi prodotti in esclusiva, ispirazioni e consigli.