ESI Quality since 1975

Trova il punto vendita

Loading…

I rimedi giusti per le gambe gonfie e stanche

gambegonfie

Come stimolare il microcircolo e tonificare le gambe

Il gonfiore e la pesantezza alle gambe sono problemi che interessano un gran numero di donne di tutte le età e che si accentuano con l’arrivo della stagione calda. Le donne più colpite sono quelle che devono stare molte ore in piedi o sedute per lavoro, favorendo così il ristagno dei liquidi verso il basso a causa della forza di gravità. Durante la primavera questo disturbo viene accentuato dal primo caldo e dagli indumenti e scarpe non ancora totalmente estivi, che quindi comprimono e soffocano le gambe e i piedi, favorendo la dilatazione dei vasi sanguigni. Anche gli ormoni giocano la loro parte quando si soffre di gambe gonfie e appesantite: gli estrogeni in particolare possono stimolare la ritenzione idrica e riducono la disponibilità degli ormoni tiroidei che agiscono contro l’accumulo del grasso.  Nonostante questo, non si deve pensare che il problema delle gambe gonfie affligga solo le donne: anche gli uomini soffrono di questo disturbo, spesso derivato da una postura scorretta o da troppe ore passate fermi nella stessa posizione.

Da non sottovalutare anche il peso corporeo: essere in sovrappeso carica le gambe di uno sforzo eccessivo, stimolando il gonfiore e la ritenzione dei liquidi, con il rischio di incorrere anche nei crampi. Altri soggetti a rischio sono le donne incinte e chi soffre di stitichezza.

Avere le gambe gonfie e stanche è dunque un problema molto diffuso, che a lungo andare può incidere sulla salute generale della persona affetta da questo disturbo.

 

Cosa fare per stimolare il microcircolo e tonificare le gambe

 

La prima cosa da fare per non avere le gambe gonfie e affaticate è stimolare il microcircolo e in generale la circolazione sanguigna, evitando la ritenzione dei liquidi. Eccoti qualche rimedio naturale e qualche consiglio da mettere in pratica in maniera costante per ottenere dei risultati fin da subito.

  1. Rinforza i capillari e le vene. Un ottimo aiuto sono la centella e il meliloto: queste piante rinforzano le pareti dei capillari e favoriscono il drenaggio dei liquidi. Puoi trovarle come integratore alimentare da assumere per bocca oppure all’interno di creme e gel per massaggiare le gambe.
  2. Bevi infusi e tisane drenanti. Centella e mirtillo favoriscono la funzionalità del microcircolo: durante il giorno bevi degli infusi a base di erbe che depurano e drenano per aiutare l’eliminazione dei liquidi stagnanti e quindi a sgonfiare le gambe.
  3. Assumi integratori con vitamina C e flavonoidi come quelli a base di Troxerutina ed estratti di vite rossa rusco, mirtillo e ippocastano per un sollievo immediato. Piante come la centella, il rusco, il mirtillo e la vite rossa favoriscono la funzionalità del microcircolo, della circolazione venosa e del plesso emorroidario. Fatti consigliare dal tuo erborista di fiducia un integratore alimentare per tonificare i vasi capillari e stimolare la circolazione.
  4. Inserisci la Troxerutina nella tua dieta. La Troxerutina è un flavonoide, noto anche come vitamina P4, presente nel tè, nel caffè, nei cereali e in molte varietà di frutta e verdura. In particolare, viene talvolta estratta dai fiori di Sophora japonica, che sono molto ricchi di questo componente. Questa sostanza agisce aumentando la resistenza dei vasi e diminuendone la permeabilità. In qualità di vasoprotettore, la Troxerutina viene utilizzata come rimedio per la fragilità capillare.
  5. Non dimenticarti di stare attenta anche a cosa metti nel piatto: poco sale da tavola, tanta frutta e verdura fresca e di stagione anche sotto forma di centrifughe, estratti e passati. Prova a sostituire il sale bianco con quello rosa dell’Himalaya ricco di sali minerali importanti per il metabolismo, come il magnesio, il potassio e il manganese che potrebbero mancare durante una dieta drenante e depurante molto rigida.
  6. Evita la sedentarietà, specialmente ora che arrivano le belle giornate. Approfitta della bella stagione per andare in bicicletta o fare lunghe passeggiate scalza sulla spiaggia per riattivare il microcircolo.
  7. Un ultimo trucchetto è quello di dormire con le gambe leggermente rialzate, usando un cuscino, per contrastare la gravità. Infine, puoi fare delle docciature di acqua fredda alle gambe, durante il giorno e alla sera per riattivare la circolazione e avere subito una sensazione di benessere.

 

L’aiuto in più per il benessere delle gambe: il massaggio serale

Alla sera concediti un momento di relax dedicato alle gambe con un massaggio agli oli essenziali o con un gel defatigante e rinfrescante. Il massaggio a base di estratti vegetali stimola la circolazione sanguigna e rilassa i muscoli evitando così i crampi. Massaggia dal basso verso l’altro fino al completo assorbimento, soffermandoti sulle zone più sofferenti. Il massaggio ha un effetto potenziato se è preceduto da un pediluvio fatto con acqua tiepida e sale.

 

 

Torna ai Consigli di ESI